Chi è Catia Proietti?

L’uomo conquistava la luna e io nascevo pochi giorni dopo.

Un momento storico di grande fiducia nelle capacità umane e di grande apertura, ma nonostante ciò io sono nata con il Mal di Mondo, una malattia autoimmune che provoca un devastante moto di ribellione verso ogni forma di ingiustizia, per cui se qualcuno dall’altra parte dell’emisfero soffre, io soffro con lui.

Catia Proietti

C’è chi trascorre una vita senza vedere né sentire e chi vede e sente in eccedenza.

All’inizio è stata dura. Ho pensato spesso di essere fuori luogo e fuori tempo. Meglio rifugiarsi in un libro che vivere la difficile quotidianità delle relazioni. Ma i libri ti aprono alla vita. Ti obbligano a guardarti e scoprirti. Fatti forte, mi hanno suggerito, e io li ho ascoltati: grandi amici i libri!

Mi sono diplomata assistente sociale, ma ho esercitato per pochi anni. Lavoravo per un Pronto Intervento Sociale Notturno e ho vissuto a Roma situazioni per le quali si potrebbe sceneggiare una serie televisiva firmata Netflix. Ma quella vita andava bene fino a quando non ho desiderato avere dei figli. Così decisi per un altro lavoro, partecipai a un concorso per educatrice d’infanzia e lo vinsi. Lavorare con i bambini è ogni giorno una sorpresa. Ti chiedono energia, ma te la restituiscono in abbondanza.

Sono piccola fisicamente e mi capita di scomparire dietro lunghi silenzi. Però sono nata sotto il segno del leone e vengo da una famiglia di operai, gente che non si è mai tirata indietro di fronte alle fatiche, gente che si è duramente conquistata tutto quello che ha.  E io sono come loro. Non riesco a stare in finestra a guardare. Nessuno di noi, oggi, dovrebbe permetterselo. Abbiamo un mondo da ricostruire, che aspettiamo a farlo? Ho due figli e ho una responsabilità nei loro confronti. Per educare alla coerenza, in un mondo d’incoerenti, devi essere coerente. Non è uno scioglilingua.

Ho avuto dei grandi dolori che hanno prodotto delle grandi crisi. Ma lì dove c’è una crisi c’è un’opportunità, altrimenti non potrebbe esserci crescita. Vivo in un difficile quartiere di periferia e ho compreso che dovevo muovermi, che quello che facevo da sempre, ossia leggere, poteva essere il mio contributo e la medicina contro il mal di mondo che mi attanaglia. Ho iniziato a collaborare con la biblioteca, la libreria e le altre realtà territoriali per promuovere iniziative culturali e creare un circolo virtuoso di buone energie, grazie alle quali ci si possa sostenere a vicenda.

E poi ho cominciato a scrivere seriamente. Il che significa che ho smesso di vomitare il mio dolore su un foglio, mi sono assunta la responsabilità di ciò che dicevo. Ho cominciato a FARE: troppi parlano e si lamentano, pochi fanno. Quando sono arrivati i primi risultati del mio lavoro, fosse un concorso letterario vinto o la vendita di una sceneggiatura, mi sono sentita incoraggiata e allora ho cominciato a crederci.
Scrivere è la mia AZIONE. Mi consente di conoscere nuove persone e nuovi progetti, mi porta a collaborare nelle librerie, nelle scuole, in paesi che non conoscevo, ad abbracciare persone mai viste. Scrivo per costruire ponti. Perché incoraggiando m’incoraggio e non mi sento più sola.

Le mie giornate sono intense, incastri di appuntamenti, pensieri, figli e letture, se sono stanca ricorro a un dolce pur sapendo tutto quello che c’è da sapere circa la sublimazione con il cibo, ma sono golosa e mia madre è una cuoca in pensione. Non posso uscirne vittoriosa.

Allora chi sono io? Sono una donna, un’assistente sociale, un’educatrice d’infanzia, una moglie, una madre, una figlia e come tutte le donne vivo una vita multitasche in cui questi ruoli s’intersecano. Scrivo alle quattro e mezza o alle cinque del mattino, quando la casa è ancora nel silenzio e prima di andare a lavoro, prima di aver preparato qualcosa per il pranzo dei miei ragazzi. SCRIVO A FATICA perché come ben sapeva Virginia Woolf una donna fatica a trovarsi “una stanza tutta per sé”. Ma quando riesco a costruirla, quella stanza, le pareti sono azzurre e il cielo è tempestato di farfalle: mi ricordano che il mal di mondo mi schiaccia a terra, mentre io invece voglio volare.